Privacy e Cookie

Icy

La mia foto
Ho scelto il nome Icy semplicemente perchè amo la neve e i ghiacciai e Alaska perchè l'Alaska è una terra che mi è rimasta nel cuore. La mia immagine è la stella alpina, il delicato gioiello delle Alpi .

by IcyAlaska

© Copyright 2012 - 2017 - Tutti i diritti riservati https://alaskaicysnow.blogspot.com Little Travel Notes on the road

sabato 23 settembre 2017

Sulle tracce ... delle balene !

Sveglia alle 7.00, rapida colazione,  caffè , preparato con la macchinetta della camera e due biscotti , poi saliamo in macchina per percorrere le 47 miglia che ci dividono da Provincetown .










Il programma di oggi prevede il Whale watching ,  con partenza dal molo di questo piccolo villaggio di pescatori che sorge praticamente  al centro dell’omonimo porto naturale .



Ci imbarchiamo su una delle navi della Dolphin Fleet , una delle compagnie che ogni giorno organizzano queste gite ; 



la giornata è fantastica ,  sole e mare calmo, pronta la fotocamera .
 La navigazione sotto costa permette di ammirare la spettacolarità della costiera di Cape Code che si insinua , come un uncino ,  fino a mare aperto formando la Cape Cod Bay .
Vedere le balene durante un’escursione  , così come per qualunque wildlife watching , non è certo una garanzia, ci vuole sempre una grandissima dose di fortuna .
L’emozione è sempre tanta , si scruta attentamente l’orizzonte cercando ogni minimo movimento, in mare ogni piccola cresta fa sperare  che sia una balena che sta per uscire in superfice, intorno a me vedo numerose imbarcazioni ,  di pescatori  di aragoste o di tonni , yacht di turisti in navigazione .


L’emozione esplode quando ,  dalla superfice del mare  , compare lo spruzzo di una 
balena ;  

📸  Phototravel on the road  ©

piano piano si vede il suo dorso ,  poi scende in profondità e  risale e  di nuovo si immerge, nuovamente ricompare e  la sua coda si innalza maestosa  offrendo uno spettacolo  indescrivibile  .
La navigazione continua , poi  il tuffo improvviso di una balena  rompe  la superfice dell’Oceano , poi si ripete ancora ed ancora ; l’emozione  è travolgente  .
Dopo 4 ore di vera emozione ,  si fa rotta verso il porto , arricchiti di una nuova ed entusiasmante esperienza .
Per il pranzo scegliamo uno dei pittoreschi locali che si trovano lungo il corso principale : il pesce fresco è sempre il mio preferito.
Dopo questa piacevole sosta, non c’è niente di meglio di una piacevole passeggiata lungo le strade della città alla ricerca di gallerie d’arte e oggetti d’antiquariato .


Rientro in hotel , tuffo in piscina e ci prepariamo per la cena : tutti i locali sono molto affollati ma la sera precedente è stata così piacevole che decidiamo di fare il bis sulla terrazza del Row Bar , questa volta però con un intero lobster tutto per me !




Romantica passeggiata lungo il porticciolo 



e rientro in hotel  !
                                      Icy

mercoledì 20 settembre 2017

Sulle orme dei Padri Pellegrini : Plymouth , Hyannis

Ore 9 del mattino, breve colazione in
hotel e … di corsa all’autonoleggio
per ritirare l’auto che ci
accompagnerà nel nostro viaggio attraverso il New England .
A bordo della fiammante Hyunday bianca ci dirigiamo verso Plymouth , prima sosta della giornata ;  dopo un tragitto di un’ora circa, giungiamo nel paese che vide l’ arrivo della Mayflower  con a bordo i pellegrini che diedero vita ai futuri
Stati Uniti .



La Mayflower  è il galeone sul quale i padri pellegrini si imbarcarono per salpare il 6 settembre 1620 da Plymouth ( UK ) per approdare a Cape Code ed infine ormeggiare l’ 11 dicembre sulle coste 
del Massachusetts , per poi fondare la Colonia di Plymouth, dichiarata nel giugno 1621 .


Secondo la narrazione tradizionale ,
 la roccia indica il luogo dove sono sbarcati i padri pellegrini


Purtoppo, con nostra grandissima delusione apprendiamo che la nave è in restauro …… fino al 2020 !
Ci consoliamo con il primo assaggio di uno dei piatti caratteristici della zona, 
lo squisito Lobster Roll , seguito da
una breve ma piacevole navigazione su di un caratteristico battello a pale nella Plymouth Bay  .

Il paese è molto grazioso  : una serie di strade parallele che conducono verso la baia sono incorniciate da deliziose villette in stile coloniale; 



  la Main Street,  parallela al seaside walk , è ravvivata da una serie di negozi, piccole gallerie d’arte
 e ristoranti .
Lasciata Plymouth ci dirigiamo verso Hyannis , 

dove ho prenotato una camera al Fairfield Inn , una nuovissima e confortevole struttura situata a pochi minuti di auto dal centro del paese ed adiacente ad un centro commerciale di recente costruzione .
Arrivati in hotel, ci concediamo un rilassante bagno in piscina poi andiamo verso il centro per la cena .
 Il “The Raw Bar on Ocean Street”  è descritto come il migliore ristorante della zona per assaggiare il famoso Lobster roll: concordo pienamente, infatti,  abbiamo  gustato un’ottima cena sulla terrazza panoramica che domina il  porto turistico .
Una passeggiata sulla via del porto costellata di romantiche luci colorate prima di rientrare in hotel per concludere piacevolmente la splendida giornata
                                       Icy
                 📷  Sulle orme dei Padri Pellegrini : Plymouth , Hyannis

martedì 12 settembre 2017

Boston, una passeggiata lungo il Freedom Trail





L’arrivo a Boston segna la prima tappa 

del mio   viaggio nel New England : 

il soggiorno in hotel  è stato leggermente

” oscurato “ dalle dimensioni della camera,

 estremamente  piccola ; vero che le camere 

cozy sono stanze piccole ….ma  questa 

fidatevi è veramente  a dimensione puffo !!!



Per dovere di cronaca l’hotel 

Boston Park Plaza   non è particolarmente 

speciale, tuttavia la sua posizione è ottima ,

a due passi dal noleggio auto e a quattro 

dall’inizio del Freedom Trail  , un percorso 

pedonale che tocca tutti i principali siti 

storici ed i più importanti luoghi 

da visitare . 

Il tracciato  , lungo più o meno 3 miglia , 

si percorre letteralmente seguendo


 una linea continua  di


mattoni rossi  posta al centro del 

marciapiede lungo l’intero tragitto .




La mattina pensiamo di fare colazione lungo


 la strada, ci incamminiamo

 e per   il primo breakfast   del viaggio 

scelgliamo un piccolo e

 grazioso locale proprio lungo il famoso 

percorso a piedi, caffè,  donuts and juice .


Il percorso alterna soste a chiese e

 monumenti per il suo aspetto storico e 

culturale , ad altre, più ludiche  ,

 all’Hard Rock Cafè





 e negozi di famose griffe .

Proprio all’ora di pranzo ci 

troviamo davanti 

all’ Union Oyster House ,





 il più antico ristorante d’America



 aperto nel 1826, 





e decidiamo di concederci una pausa con 

ottimo pesce fresco, fantastiche lobster e 


squisite ostriche crude .





Boston mi ha  affascinato ; è una città 

storica , ma allo stesso tempo 

giovane e fresca :  fondata da un gruppo di 

coloni agli inizi del 1600  ha visto

 svolgersi episodi fondamentali  della  guerra

  d’indipendenza , ed oggi vi hanno sede

 numerose scuole di prestigio fra le quali  la

 famosa università di Harvard nella vicina 

 Cambridge .


Una giornata indimenticabile conclusa con

 una squisita cena al Legal Sea Foods,

 famoso ristorante che propone sempre pesce

 freschissimo , 



 situato praticamente dietro all’ hotel .
                                                                                                                  Icy


📷 Boston, una passeggiata lungo il Freedom Trail - Phototravel on the road 

mercoledì 12 luglio 2017

Signpost click




La piccola cittadina di Watson Lake è  circa al 365° miglio sulla
 spettacolare Alaska HWY ,
 praticamente ai confini del
 British Columbia . Map: 🚗

Questo paesino è conosciuto oltre che per il  
 Northern Lights Center anche per la particolare  foresta  di cartelli, 
la " Signpost Forest " .


Questa variegata giungla di insegne ha avuto inizio  nel 1942 quando  un militare americano ha piantato il primo cartello per soddisfare la sua nostalgia di casa.




 In seguito, anche gli operai che lavoravano sulla Alaska Highway  pensarono di mettere, ogniuno, un cartello rappresentante il proprio paese di provenienza, e con il passare del tempo, cartello dopo cartello, il signpost forest si è talmente incrementato fino a raggiungere i circa 75.000 segnali attualmente presenti .


Durante i miei viaggi on the road mi trovo spesso di fronte ai cartelli che indicano il nome dello stato o della città che mi accingo a visitare ed istintivamento prendo la mia fotocamera e inizio a 
scattare immagini del cartello,
 e mi piace definire questi scatti  
                                Icy




Read more  : ✎  " Un ghiacciaio, infinite emozioni "

martedì 27 giugno 2017

La mia valigia viaggerà con me ?



Per un motivo od un altro, che sia per lavoro oppure per una vacanza,  dobbiamo prendere un volo e, per me, questo è un momento di grande ansia per quanto riguarda il bagaglio a mano, il classico trolley .
A questo punto sono tante le domande che si accavallano nella mia testa   :
Quali misure di bagaglio a mano consente di portare a bordo  la  compagnia aerea che ho scelto per affrontare il volo, ?
Qual è il peso massimo che deve avere il mio trolley ?
Posso portare a bordo, oltre al trolley , anche una borsa oppure uno zainetto  ? …
Si  susseguono  , inoltre, altri pensieri ; mi è capitato ,diverse volte, di non avere nessun tipo di problema relativo al peso del bagaglio a mano al momento della  partenza,  per averne , invece , con relative discussioni al check in , al momento del rientro , pur non avendo aggiunto nulla nel medesimo bagaglio a mano e viaggiando con la stessa compagnia, con biglietto di A/R .

A questo riguardo sembra che le   diverse compagnie di volo  , siano esse di bandiera con voli di linea, oppure siano voli o compagnie low cost,  facciano a gara a chi permette di imbarcare in cabina bagagli sempre più piccoli e sempre  più leggeri .

Ora si apre una personale considerazione  : perché abbiamo la necessità di portare in cabina un bagaglio, se escludiamo, ovviamente,  la motivazione di evitare il check -in della valigia da stiva ?
La mia risposta è : il terrore di non trovare la valigia sul nastro del baggage claim .

Le domande che mi faccio quando consegno la mia valigia ad ogni check -in sono   : 
Viaggerà sul mio stesso volo ?
La ritroverò all’arrivo  ?
Sarà in buone condizioni , oppure sarà divelta ?
Inoltro penso al viaggio rovinato se non la trovo al nastro bagagli  , essendo poi costretta  a  sprecare ore prezizose della mia vacanza in cerca degli svariati indumenti ed  accessori  di prima necessità, oltre alla conseguente  arrabbiatura presso i vari uffici reclami .

La mia risposta , a tutte queste domande, pensieri e considerazioni è che , se ci fosse la certezza che il bagaglio da stiva viaggiasse, così come dovrebbe essere , con lo stesso volo del passeggero ed anche per la valigia si rispettassero gli stessi scali, sarebbero evitate tante   spiacevoli discussioni, ansie e perdite di tempo ai check -in,  riguardanti i fatidici bagagli a mano ; personalmente se fossi certa di ritrovare all’ arrivo la mia valigia, non avrei certo il pensiero di trascinarmi il trolley per chilometri attraverso interi aeroporti,  correndo  da un terminal ad un altro inseguendo orari e  coincidenze .
Non è neanche corretto pensare che,  se il peso del bagaglio da stiva supera i kg consentiti , possa entrare in cabina pagando una differenza di prezzo,  non sempre è così : per alcune compagnie di volo, neanche pagando un sovraprezzo , il tuo trolley potrà  viaggiare sulla capelliera .

   L’ansia del bagaglio viaggerà sempre con me  ….  ??? !!!


... anche rotta ... basta che arrivi a destinazione ... ! 
                                                   
                                                                                   Icy

giovedì 26 gennaio 2017

Black Hills Wild Horse, un'emozione da vivere


Nelle vicinanze di Hot Springs ed   a poco più di un’ora d’auto  da Rapid City, nel sud-ovest del Sud Dakota, sorge il Black Hills Wild Horse  Sanctuary ,  immerso nel cuore delle Black Hills, così denominate per il colore dei Pini Ponderosa che ne  ricoprono le colline .

Il   Wild Horse è un luogo spettacolare   immerso nella valle solcata dal Cheyenne   River ; immense praterie circondate da armoniose colline ricoperte di pini, offrono uno spettacolo mozzafiato 






ma la vera essenza del luogo sono gli splendidi mustang selvaggi che galoppano in libertà con le loro folte criniere accarezzate dal vento .




Nel 1988, Dayton O. Hyde, uno scrittore amante della natura ha fondato il Black Hills Wild Horse Sanctuary ,
proprio con lo scopo di salvare e proteggere questi splendidi cavalli.
                
              

Il Black Hills Wild Horse  Sanctuary è una vera emozione da  vivere , sia  per il fascino sprigionato dalle centinaia di cavalli selvaggi che galoppano liberamente nella prateria,  sia per la sacralità stessa del luogo


 ed anche per il rispetto verso la natura che emana il santuario .

  Dove si trova :  🚙         MAP  🌏

                                        Icy


                                                                                                                                    



venerdì 2 dicembre 2016

10 migliori hotel

10 migliori Hotel


1.      Maso del Brenta, Caderzone, TN - la riscoperta dei vecchi masi e della            tradizione trentina, in un’accogliente e calda atmosfera di confort e                  benessere;




2.      Kilopaa fell centre , Saariselka , Finlandia  - una immersione nella                  natura accarezzati dal magico incanto del cielo dipinto dai colori                   dell’aurora boreale; 





3.      Hapuna Prince , Kohala Coast, Big Island, Hawaii - un hotel fantastico           in una baia da sogno ;







4.      Explorer Cabin at Yellowstone ,  West Yellowstone, Montana - un po’              come  rivivere  l’esperienza dell’esploratore del vecchio west ma con              tutti i conforts moderni ;



5.      Hotel The Ritz - Carlton Key Biscayne, Miami, Fl - coccolati in una                  lussuosa struttura di altissimo livello ;



6.      Beech Hill Courty House Hotel , Derry-Londonderry , Irland - vivere              una vacanza immersi nel periodo coloniale in una residenza di lusso ;






7.      Parador de Mazagon,    Mazagon, Moguer Huelva,  Spagna -  un antico          monastero trasformato in un caratteristico hotel di charme direttamente          affacciato sull’oceano ;





8.      Hotel Tianes, Castelrotto,  BZ - moderno ed allo stesso tempo                            tradizionale hotel in stile di montagna affacciato sullo Sciliar;





9.      La Vinuela ,  Carretera Velez-Malaga – Alhama, Vinuela, Spagna - una          splendida  terrazza sul lago in stile andaluso;







10.    Lake Coeur D’Alene Resort , Coeur d'Alene, Idaho -  un moderno ed              appariscente resort in riva al magnifico lake  Coeur D’Alene.




Tanti alberghi,   hotel,  resort , motel, residence … fino ad ora ho avuto l’occasione di potere alloggiare in svariate tipologie di strutture alberghiere ed ho pensato di fare una classifica personale delle 10 migliori, secondo il mio giudizio .

Viaggiando mi sono potuta creare una serie di personali strumenti per potere fare una valutazione sulle qualità e sulle caratteristiche che un hotel deve assolutamente avere e quali servizi , invece , sono solo una bella cornice, il classico specchio per le allodole .

Indossereste un prezioso diamante incastonato in un collier di latta, oppure   preferireste sfoggiare un bellissimo collier di platino anche se privo di un gioiello ornamentale ?

Io propendo per  la seconda   opzione ;   un hotel  potrà vantarsi di avere uno splendido centro benessere, una fantastica piscina, una palestra ben attrezzata o un’ elegantissima hall, ma quello che conta, in realtà è il calore, la cura della struttura e l’accogliente  atmosfera  che si percepisce già dalla reception per poi guidarci fino alla camera .

Un ambiente,  per essere accogliente e ben curato, deve rispettare alcuni aspetti, la cura dei particolari è fondamentale, così  come l’attenzione alle rifiniture e la manutenzione maniacale delle camere e di tutti gli ambienti dell’hotel.

L’igiene e la pulizia, sono requisiti indispensabili per giudicare un albergo confortevole, uniti ad altri dettagli come la scelta dei letti, dei materassi e di una biancheria di buona qualità sia in camera che in bagno dove , anche la scelta del classico kit di cortesia deve essere di qualità, ricordando, che non è necessario, bensì è un optional, e nella doccia,  meglio montare un luminoso cristallo piuttosto che  una scialba tenda; sul letto un bel piumino scalda ed arreda allo stesso  tempo, ed è da preferire ai soliti  panni accompagnati da monotone coperte.

Una particolare attenzione dovrebbe essere rivolta anche agli infissi di porte e finestre, alla rubinetteria del bagno e, se presente, dell’angolo cottura che non devono presentarsi in condizioni sgradevoli;  inoltre un investimento in televisori contemporanei sarebbe, a mio avviso,  indispensabile.

Un altro aspetto che non sottovaluto è la struttura esterna che mi piace sia realizzata in armonia con l’ambiente circostante, una delle cose, per fare un  esempio,   che non apprezzo,  è  la presenza delle  tapparelle in montagna che trovo in netto contrasto con lo stile caratteristico e perciò rendono l’aspetto di un  locale trascurato e poco curato.

Il servizio wifi dovrebbe assolutamente essere considerato standard e non un accessorio, il gestore dell’hotel dovrebbe essere, inoltre,  in grado di fornire informazioni circa la potenza del segnale dei principali gestori telefonici all’interno della struttura stessa.

Tutta questa cura dei particolari ha un valore inestimabile, superiore a qualsiasi   centro benessere o ad una piscina (il più delle volte con acqua gelata ), o ad un’animazione che è adeguata ai villaggi turistici, i massaggi si possono ricevere nei centri estetici, sicuramente può essere positivo realizzare  un ben curato centro benessere in un hotel, ma solo dopo avere sistemato tutte le camere con un corretto livello di qualità e di accuratezza .
Questo è da considerasrsi il minimo standard, indipendentemante dalle stelle attribuite alla struttura .
                                                                                                                      Icy