Privacy e Cookie

Icy

La mia foto
Ho scelto il nome Icy semplicemente perchè amo la neve e i ghiacciai e Alaska perchè l'Alaska è una terra che mi è rimasta nel cuore .

by IcyAlaska

© Copyright 2012 - 2017 - Tutti i diritti riservati https://alaskaicysnow.blogspot.com Little Travel Notes on the road

martedì 27 giugno 2017

La mia valigia viaggerà con me ?



Per un motivo od un altro, che sia per lavoro oppure per una vacanza,  dobbiamo prendere un volo e, per me, questo è un momento di grande ansia per quanto riguarda il bagaglio a mano, il classico trolley .
A questo punto sono tante le domande che si accavallano nella mia testa   :
Quali misure di bagaglio a mano consente di portare a bordo  la  compagnia aerea che ho scelto per affrontare il volo, ?
Qual è il peso massimo che deve avere il mio trolley ?
Posso portare a bordo, oltre al trolley , anche una borsa oppure uno zainetto  ? …
Si  susseguono  , inoltre, altri pensieri ; mi è capitato ,diverse volte, di non avere nessun tipo di problema relativo al peso del bagaglio a mano al momento della  partenza,  per averne , invece , con relative discussioni al check in , al momento del rientro , pur non avendo aggiunto nulla nel medesimo bagaglio a mano e viaggiando con la stessa compagnia, con biglietto di A/R .

A questo riguardo sembra che le   diverse compagnie di volo  , siano esse di bandiera con voli di linea, oppure siano voli o compagnie low cost,  facciano a gara a chi permette di imbarcare in cabina bagagli sempre più piccoli e sempre  più leggeri .

Ora si apre una personale considerazione  : perché abbiamo la necessità di portare in cabina un bagaglio, se escludiamo, ovviamente,  la motivazione di evitare il check -in della valigia da stiva ?
La mia risposta è : il terrore di non trovare la valigia sul nastro del baggage claim .

Le domande che mi faccio quando consegno la mia valigia ad ogni check -in sono   : 
Viaggerà sul mio stesso volo ?
La ritroverò all’arrivo  ?
Sarà in buone condizioni , oppure sarà divelta ?
Inoltro penso al viaggio rovinato se non la trovo al nastro bagagli  , essendo poi costretta  a  sprecare ore prezizose della mia vacanza in cerca degli svariati indumenti ed  accessori  di prima necessità, oltre alla conseguente  arrabbiatura presso i vari uffici reclami .

La mia risposta , a tutte queste domande, pensieri e considerazioni è che , se ci fosse la certezza che il bagaglio da stiva viaggiasse, così come dovrebbe essere , con lo stesso volo del passeggero ed anche per la valigia si rispettassero gli stessi scali, sarebbero evitate tante   spiacevoli discussioni, ansie e perdite di tempo ai check -in,  riguardanti i fatidici bagagli a mano ; personalmente se fossi certa di ritrovare all’ arrivo la mia valigia, non avrei certo il pensiero di trascinarmi il trolley per chilometri attraverso interi aeroporti,  correndo  da un terminal ad un altro inseguendo orari e  coincidenze .
Non è neanche corretto pensare che,  se il peso del bagaglio da stiva supera i kg consentiti , possa entrare in cabina pagando una differenza di prezzo,  non sempre è così : per alcune compagnie di volo, neanche pagando un sovraprezzo , il tuo trolley potrà  viaggiare sulla capelliera .

   L’ansia del bagaglio viaggerà sempre con me  ….  ??? !!!


... anche rotta ... basta che arrivi a destinazione ... ! 
                                                   
                                                                                   Icy

giovedì 26 gennaio 2017

Black Hills Wild Horse, un'emozione da vivere


Nelle vicinanze di Hot Springs ed   a poco più di un’ora d’auto  da Rapid City, nel sud-ovest del Sud Dakota, sorge il Black Hills Wild Horse  Sanctuary ,  immerso nel cuore delle Black Hills, così denominate per il colore dei Pini Ponderosa che ne  ricoprono le colline .

Il   Wild Horse è un luogo spettacolare   immerso nella valle solcata dal Cheyenne   River ; immense praterie circondate da armoniose colline ricoperte di pini, offrono uno spettacolo mozzafiato 






ma la vera essenza del luogo sono gli splendidi mustang selvaggi che galoppano in libertà con le loro folte criniere accarezzate dal vento .




Nel 1988, Dayton O. Hyde, uno scrittore amante della natura ha fondato il Black Hills Wild Horse Sanctuary ,
proprio con lo scopo di salvare e proteggere questi splendidi cavalli.
                
              

Il Black Hills Wild Horse  Sanctuary è una vera emozione da  vivere , sia  per il fascino sprigionato dalle centinaia di cavalli selvaggi che galoppano liberamente nella prateria,  sia per la sacralità stessa del luogo


 ed anche per il rispetto verso la natura che emana il santuario .

  Dove si trova :  🚙         MAP  🌏

                                        Icy