Privacy e Cookie

Icy

La mia foto
Ho scelto il nome Icy semplicemente perchè amo la neve e i ghiacciai e Alaska perchè l'Alaska è una terra che mi è rimasta nel cuore. La mia immagine è la stella alpina, il delicato gioiello delle Alpi .

by IcyAlaska

© Copyright 2012 - 2017 - Tutti i diritti riservati https://alaskaicysnow.blogspot.com Little Travel Notes on the road

giovedì 31 marzo 2016

The Last Frontier




I viaggi che sogniamo e che speriamo di realizzare sono i viaggi che conserviamo ben riposti nel cassetto, mentre quelli che si sono avverati sono custoditi preziosamente nel cuore ;
questo viaggio è uno di quelli gelosamente protetti nel cuore .

                   L’ULTIMA FRONTIERA

                          ALASKA

                          49TH

                         State



 Il viaggio nella terra di frontiera inizia con lo sbarco ad Anchorage e direttamente in volo per Juneau, capitale dell’Alaska, dove abbiamo mangiato nel famoso RED DOG SALOON caratteristico locale della cittadina con la segatura sul pavimento e le pareti piene di cimeli.

Soprannominata dai suoi abitanti la “piccola San Francisco”, Juneau è una piccola cittadina portuale situata alla fine di uno splendido fiordo raggiungibile solo in aereo o via mare.

Nata come piccolo campo di minatori diventa, intorno al 1880, il punto di riferimento di tutti quelli che si spinsero al nord in cerca di fortuna.

Juneau divenne, infatti, tappa obbligatoria durante il periodo della più famosa corsa all’oro che ebbe come destinazione finale lo YUKON, dove ci recheremo nei prossimi giorni.

L’indomani,partiamo per Gustavus in barca .

Arrivati non abbiamo nemmeno il tempo di capire dove siamo, che si riparte, sempre in nave, per cercare di avvistare le balene, non ci credevamo eppure eccole lì davanti a noi!




Uno spettacolo che ci lascia senza fiato sentire il loro respiro e ammirare i loro incredibili balzi fuori dall’acqua.

Ci servirà tutto il tragitto di ritorno, a Gustavus, per riuscire ad abbandonare il desiderio di tuffarci in quella lastra che è il mare nei fiordi e restare ancora in loro compagnia.

Gustavus, è situata appena fuori dei confini del GLACIER BAY NATIONAL PARK, alla foce del Salmon River.









Dormiamo in un incantevole cottage immerso nel bosco, il Glacier Bay Lodge.

Subito alla sera un incontro MOLTO ravvicinato con un cucciolo di alce e la sua mamma, in un meraviglioso laghetto incantato a pochi metri dal Lodge.



Questo è solo il primo giorno, perché la notte veniamo svegliati da tre irriverenti e sfacciati scoiattoli che giocano sul tetto del lodge, a nulla servono le nostre "rimostranze" che, anzi, sembrano divertirli molto.

La mattina si parte di nuovo in mare ma questa volta il nostro obbiettivo non sono le balene, che comunque ci accompagnano pigramente, ma i ghiacciai con i loro iceberg che si tuffano direttamente in mare.

Immagini irreali si mostrano davanti a noi come se il mondo iniziasse li, in mezzo alla nebbia e in quella luce surreale.

I boschi si confondono senza fine e gli uccelli marini d’ogni specie ci guardano divertiti, ma all’improvviso una vista inaspettata, ……… un GRIZZLY!!!!!!!!!!



Solo nei sogni pensavamo di poter vedere un orso, libero e così da vicino, comportarsi con naturalezza e rovesciare enormi pietre per cercare il suo piccolo ma squisito crostaceo.

Nel salutarlo un’aquila calva si leva in volo e gli passa sopra, in un quadro di natura intatta e perfetta .

Continuiamo nei fiordi circondati da quei meravigliosi e buffi uccelli: i PUFFIN - pulcinelle di mare, giungiamo infine al ghiacciaio in fondo ad un fiordo, come una montagna in continuo movimento che si sgretola proprio davanti ai nostri occhi.

Ritornati a Gustavus non c’è tempo per ripensare ai posti visti che siamo già su un aereo diretti a Juneau e da li ancora in volo per Anchorage.

Ma non si può stare fermi in un paese così incredibilmente bello e quindi subito in macchina verso il DENALI NATIONAL PARK.

Sembra incredibile ma una tormenta di neve ci sorprende a metà strada e la tundra diventa improvvisamente bianca, irreale, come in un paesaggio da fiaba.

Arriviamo al Denali Crow's Nest, nei pressi del DENALI N.P., se  non fosse per il periodo, ci aspetteremmo di vedere passare BABBBO NATALE con le sue renne!

E’ l’una di notte e la luce non accenna a diminuire.

Alla mattina un sole splendente ci dà il buon giorno e di buon ora iniziamo i nostri giri nel parco.

Laghi creati dai castori, incorniciati dalle splendide montagne, ci lasciano senza fiato.

Cani della prateria, marmotte mormorate, capre di montagna, alci, caribou, scoiattoli e GABBIANI, sì sì proprio gabbiani in montagna e aquile al mare ormai nulla ci può sorprendere.



Invece il giorno dopo prendiamo l’unico mezzo disponibile per visitare il parco immenso del DENALI una corriera tipo scuola bus e ci appare per la prima volta il Mc KINLEY, 6193 Mt, la più alta del nord America.

Ma non basta, lì, al bordo della strada sterrata, un cucciolo e un altro e un altro ancora e pochi mt più in là, la mamma, un meraviglioso Grizzly.

Che emozione poterli guardare sereni e felici, tre cuccioli, cosa non comune, e non in un documentario ma li davanti a noi imponenti e fieri.

Arriviamo sino a KANTISHNA, 







dopo 140 Km dentro il parco, dove abbiamo ammirato tutta la fauna e la flora presente "cerchiamo" e "troviamo" l’oro.

Solo poche e piccole pagliuzze ma tanto grandi da restare per sempre nel nostro cuore.

Dopo tre giorni, in questo meraviglioso parco, si riparte per FAIRBANKS e poi ancora più su, per la DALTON HWY per raggiungere il circolo polare artico.

Ma non ci riusciamo, la strada è troppo danneggiata per la nostra macchina, dopo un’ora percorsa a 20 mph decidiamo, a malincuore, di rinunciare.

Dopo una notte a Fairbanks si riparte per TOK in una foresta infinita con paesaggi irreali.

Incontriamo NORTH POLE dove c’è la residenza ufficiale di SANTA CLAUS .

Non possiamo non fermarci, per tornare un pò bambini, poi il viaggio riparte.

TOK, ovvero il nulla attorno ad una strada, anche se è uno dei nodi commerciali più importante dell’ALASKA, ormai non ci stupisce più nulla.

... E da quì si parte per la mitica DOWSON CITY, quella di ZIO PAPERONE, di ZANNA BIANCA e delle fantasie da bambino di incredibili avventure.

Lungo la strada conosciamo “per errore” un vero cercatore d’oro che ci mostra le sue pepite.

Che voglia irrefrenabile di fermarsi li a gustare per un po’ quella vita sognata nei libri di JACK LONDON che sembra lì affianco a noi e nei nostri occhi.

Percorriamo la TOP OF THE WORLD HIGHWAY, si passa dalla TAIGA alla TUNDRA, sino alla cima delle montagne, dove il nulla è interrotto solo da una cittadina, CHICKEN, dove l’oro è ancora presente nei volti dei suoi 150 abitanti.

Non si può descrivere il non essere di una città ma ancora non avevamo visto il vero non essere.

Ancora cento chilometri e siamo al bar più sperduto che si può immaginare,


Poi due ore e siamo al confine con il CANADA e poi giù, sino a DOWSON CITY.

Il traghetto non attraversa solo lo YUKON ma ci porta indietro nel tempo :SALOON, TEATRO, CASINO’ e ogni costruzione è rimasta com’era.

Un piccolo museo fotografico ci fa capire come davvero tutto si sia fermato, mancano solo il milione di abitanti che, ogni primavera, riempivano la città per partire alla ricerca del grande filone d’oro.

Riorniamo a TOK per la stessa strada ma anche se è faticoso lasciare queste terre: la febbre dell’oro entra nelle vene ...

Superiamo TOK e ci dirigiamo verso GLENNALLEN.

Non fosse per lo SLANA RIVER che, per fare cinque metri verso il mare ci mette un’ora a causa delle infinite anse, paludi, laghi e per il MATANUSKA GLACIER, un’enorme distesa di ghiaccio che scende pigramente, la città non offre granché.

Da lì si parte per ANCHORAGE e finalmente il sole quasi tramonta.

Qui possiamo assistere, nella baia, al fenomeno della bassa marea che ammireremo ancora lungo tutta la strada che ci porta al KENAI FJORDS NATIONAL PARK.

Dormiamo a SEWARD, un’altra meraviglia in fondo al fiordo.

Ed ora, il mio spirito già provato dall’incontro con l’alce, l’orso, la natura incontaminata di questo viaggio, ricevo il colpo fatale: la pesca al salmone .

Uno spettacolo affascinante, vedere le barche dei pescatori scaricare cariole piene di salmoni o di halibut da 190 lb,  lavorati proprio lì, sul porto.

L’indomani partiamo per il nostro ultimo tour nei FIORDI ed ancora cetacei ed uccelli che si lasciano ammirare mentre sorvolano  uno splendido ghiacciaio.


Ed ora si parte in volo verso Los Angeles, aaa atterragiio e subito di nuovo in macchina verso la città più evanescente del globo: LAS VEGAS.

Uno shock davvero grande passare dal silenzio degli infiniti  spazi naturali dell’ALASKA alle luci e ai rumori della città senza né notte né giorno.






E poi via, di nuovo verso un deserto, il MOJAVE DESERT poi un altro il JOSHUA TREE N. P., dove riassaporiamo il silenzio della natura dove anche nel nulla c’è vita.










Dormiamo nell’oasi di TWENTY NINE PALMS.

Poi ci dirigiamo a Palm Springs  attraversando la più grande centrale eolica del mondo per una tappa distensiva,
poi di nuovo a LOS ANGELES per ripartire questa volta per rientrare e rivivere questo fantastico viaggio e pensare al prossimo itinerario.


                       📷 Images from Last Frontier 

Un viaggio del mese di Luglio 2003 rimasto nel cuore 



                                                        Icy


Travel Alaska